FICO

Il 15 novembre ha aperto al pubblico FICO, il parco dedicato all'agroalimentare più grande del mondo con sottotitolo Eataly World a sottolineare l'eccezionalità dell'agroalimentare italiano e il collegamento a Eataly di Oscar Farinetti, coinvolto fin dalle fasi iniziali nel progetto. Il parco è stato realizzato a Bologna negli spazi rinnovati del CAAB, Centro AgroAlimentare Bologna, e si estende per  10 ettari di cui 8 coperti e 2 ettari costituiti da campi e stalle all'aperto. Il percorso è organizzato in modo da avere corrispondenza tra le “fabbriche” luoghi di trasformazione e consumazione dei prodotti alimentari, all'interno, e le relative aree esterne dove vegetali e animali sono presenti soprattutto come testimonianza della ricchezza e biodiversità italiana. Il progetto architettonico di FICO è firmato dall'architetto Thomas Bartoli, i diversi ambienti e ristoranti si susseguono secondo un percorso pedonale e ciclabile a doppia chiave di lettura: le diverse produzioni alimentari dalla pasta al dolce e i territori geografici italiani.
Nella definizione dei diversi spazi sono state coinvolte molte eccellenze italiane non solo dell'agroalimentare, ma anche di tutti quei settori collaterali alla realizzazione dei grandi spazi di retail.

Il design made in Italy caratterizza gli arredi dei ristoranti legati alle fabbriche di FICO così come i corpi illuminanti e i rivestimenti delle superfici, resi unici dallo stile distintivo della collezione May nei formati 10x20 cm e dal bianco brillante della collezione Adamas nel formato 10x30 cm di Iris Ceramica.

Nel Centro Congressi, uno spazio modulabile utilizzato anche per convegni ed eventi privati, si è privilegiato per i pavimenti il calore naturale e il fascino delle pietre della collezione TRAX diFMG Fabbrica Marmi e Graniti nei formati 120x60 e 60x60. Sono stati impiegati 5.000 mq di superfice ACTIVE Clean Air & Antibacterial Ceramic™ di Iris Ceramica Group per rivestire i pavimenti e le pareti dei laboratori di produzione alimentare delle fabbriche di FICO. La scelta delle superfici ACTIVE per FICO, è derivata dalla necessità di rispettare le stringenti norme igienico-sanitarie previste dalle vigenti normative per la lavorazione degli alimenti, grazie ad ACTIVE e al suo potere antibatterico e antinquinante, questo è stato possibile, in quanto il materiale posato è in grado di ridurre i principali ceppi batterici e ridurre gli agenti inquinanti presenti nei laboratori adibiti alla produzione.

Progetto: Thomas Bartoli
Luogo: Bologna

Images courtesy of FICO
www.eatalyworld.it

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy